“Scooterino” conquista terreno nella Capitale

Lunedì, Febbraio 27, 2017
L'app, inventata da un giovane italoamericano, per condividere la moto. Conquistati 12mila romani

Pensare al plurale. La sharing economy, in fondo, parte da questo concetto base, intorno al quale i servizi possono essere “costruiti”. Soprattutto con startup che cercano chiavi di cambiamento. Deve aver pensato a questo Oliver Page, italo-americano ventitreenne che ha messo a punto “Scooterino”, l’app per chiedere (e dare) passaggi in moto. A Roma una prima community di persone disposte a condividere il tragitto con lo scooter è già attiva da qualche mese. E presto il servizio sarà a Milano, Firenze, Genova e Napoli. Obiettivo è quello di ottimizzare gli spostamenti alleggerendo il traffico e dimezzando le spese.

Alla base, un sistema di richiesta/offerta che si bilancia da solo. Vediamo come funziona. Intanto si parte dalla sicurezza, che prevede controlli sulla persona e sul mezzo. Per diventare uno “scooterista” della community è richiesta un’età minima di 21 anni, patente valida e assicurazione in regola, scooter omologato per due persone in buone condizioni, un secondo casco omologato e un sotto-casco igienico pronto per il passeggero. Ma l’app, questa la vera novità, ha anche un volto umano. I gestori, infatti, incontrano personalmente tutti i potenziali scooteristi prima di dare accesso all’applicazione. Senza dire, poi, che tutti i passaggi sono monitorati e passeggeri e scooteristi possono contattare il team per qualsiasi esigenza.

Chi cerca un passaggio può controllare il profilo dello Scooterista e i feedback degli altri membri della comunità. Al termine del viaggio è possibile rilasciare un voto di gradimento, che serve a testare anche l’affidabilità del comportamento. La prenotazione è molto semplice. Scaricata l’app, Scooterino mette in contatto chi ha bisogno di un passaggio con chi deve spostarsi nella stessa direzione. Se si decide di approfittarne, si ha modo di controllare il punteggio di affidabilità del passeggero e si ha in via preventiva il conteggio del rimborso per il tragitto condiviso con un altro membro della comunità. Altrettanto semplice l’iter per il passeggero.

Al momento della richiesta è possibile controllare non solo il costo ma anche i feedback degli Scooteristi disponibili in quel momento. Tra i partner dell’app, IP, Italiana Petroli, Retake Roma, Hard Rock café. (scooterino.it)

Roma Scooterino conta su una community di 12mila iscritti e ha registrato 33mila richieste di passaggi in poco più di un anno. Accanto al sistema di prenotazioni in tempo reale sta nascendo il pre– booking, ovvero la possibilità di richiesta anticipata con un minimo di 6 ore e un massimo di 7 giorni. Pianificare il proprio passaggio, consentirà agli utenti del servizio di garantirsi giorni e orari specifici della settimana in cui devono spostarsi.

Entrare nella community è semplice, basta scaricare l’app gratuita disponibile per Android e iOS. Per richiedere un passaggio, invece, ci sono due strade: inviare una email all’indirizzo support@scooterino. it oppure compilare il profilo “scooterista” all’interno dell’app.

Leggi anche Scooter sharing elettrico, in arrivo 250 mezzi.

Bus e tram real time

Tg della Mobilità

 

AMBIENTE

raccolta ingombranti domenica 23 aprile nei municipi dispari