Alleanza "social" per la Roma-Lido

22-09-2016
Gli utenti si raccontano. E raccontano
 
Ironia e telefonino. A volte possono bastare per alleggerire il quotidiano, decisamente impegnativo, del pendolare romano. Andrea Castano, quarantenne impiegato, utente della Roma-Lido, una ricetta, ormai da cinque anni, l’ha trovata. I social network, twitter in particolare, e un blog, per raccontare un pezzo del trasporto pubblico capitolino e in qualche modo creare una comunità, virtuale e non solo, tra i 100mila passeggeri che ogni giorno viaggiano con i treni della ferrovia regionale, gestita da Atac, che fanno la spola tra Porta San Paolo e Ostia. 
 
Una comunità che si muove (o almeno ci prova) tra stazioni e binari, che si confronta e si informa, che segnala e propone. Che, comunque, il trasporto pubblico continua a sceglierlo. E questo è un patrimonio da non disperdere. 
 
Il racconto a puntate realizzato da Andrea, il suo blog dedicato alla ferrovia, si presenta così: “Diario di un utente della linea Roma-Lido distrutto dalla vita (in metro), ma sempre fiducioso”. Sempre fiducioso, questo è il punto. “Lo sforzo è per continuare a guarda il bicchiere non dicco mezzo pieno, ma almeno un pochino. Ho creato questo blog – ci racconta – per raccontare la vita di un pendolare, scegliendo la chiave dell’ironia, coinvolgendo altri utenti e senza sbraitare. Pian piano questo spazio è diventato non solo un raccoglitore di segnalazioni e di idee, ma anche un modo per provare a informare, non esclusivamente sulla Roma-Lido, in modo il più possibile semplice e diretto, da passeggero a passeggero”. E c’è anche una sorta di “scaffale”, con consigli di lettura per quando si sta in treno.  Assieme alle associazioni, alcuni giorni c’è stato un incontro della Commissione Trasporti del Comune con i cittadini-blogger che si occupano di trasporti, proprio come Andrea. “Il problema – ci spiega – è che a Roma manca una vera e propria cultura del trasporto pubblico. Poi certo, mancano gli autobus. Ma il punto di partenza è un altro. Eppure, di gente che a bus, metro e treni ci tiene, ce n’è, e molta, anche tra i giovani ”. 
 
Assieme a Carlo Tortorelli, che cura i blog “Il TreninoBlu” e Sferragliamenti dalla Casilina, e ad altri utenti appassionati, Andrea Castano ha contribuito a realizzare delle giornata dedicate ai sessant’anni della metro B, alle aperture dei primi tratti di metro C, ai cento anni della Roma-Fiuggi-Frosinone, oggi Termini-Centocelle e, naturalmente, alla Roma-Lido. Tornando alla “sua” ferrovia e al blog con cui la racconta, c’è tempo per ricordare qualche aneddoto. 
 
“Un episodio curioso? Beh c’è stato, in un momento sicuramente poco piacevole, a piedi lungo i binari tra una stazione e un’altra per un treno rotto. E’ stato però un modo, anche quello, per fare comunità e dare un volto a tanti amici virtuali del blog”. Per il futuro della Roma-Lido, accantonata dalla Regione l’ipotesi legata all’ingresso della francese Ratp, e in attesa di capire se Ferrovie dello Stato deciderà o meno di avere un ruolo nella gestione della linea, si parla di 180 milioni di euro a breve disponibili per la ferrovia, con un piano di rilancio quinquennale. 
 
“Regione, Atac, Ferrovie. Proprietà, gestione. Promesse e piani. Per il pendolare l’unica cosa che conta è iniziare a vedere che qualcosa cambia. Altrimenti la Roma-Lido è destinata ad esaurirsi. E noi con lei”.       
 
In attesa dei fondi per il rilancio
 
Entro ottobre dovrebbe arrivare la decisione del Cipe,il Comitato interministeriale per la programmazione economica, per permettere alla Regione, proprietaria della Roma-Lido, di disporre di 180 milioni di euro per la linea. Da quel momento è prevista una fase di progettazione degli interventi di circa un anno. Poi ci saranno i bandi di gara e a seguire i lavori, stimati in 3-4 anni. Questi i tempi, stando alle prime informazioni emerse la settimana scorsa in Commissione capitolina trasporti, per il piano di rilancio della ferrovia tra Roma e Ostia. I fondi arriverebbero da Regione e Governo. Previsti interventi su binari e banchine, sistemi di segnalamento e linee elettriche. Parte dei soldi è destinata al rinnovo di alcune stazioni e all'acquisto di 5 nuovi treni. A questo proposito, è stata ribadita la necessità di avere convogli costruiti espressamente per la Roma-Lido (e non per la metro). Il Presidente della Commissione Mobilità, Enrico Stefàno, sempre sui treni ha spiegato come “nel breve periodo Atac sta già lavorando, portando avanti un'opera di manutenzione di 8 treni Ma200 per cercare di rimetterli in condizione di esercitare il servizio”. 
 
Simone Colonna
Trasporti & Mobilità - Muoversiaroma
15 settembre 2016