Bambini in auto, nuove regole sui seggiolini

Venerdì, Febbraio 10, 2017
“Alzatine” vietate sotto il metro e 25 di altezza

All’inizio del 2017 sono entrate in vigore norme più rigide che riguardano la sicurezza dei bambini che viaggiano a bordo delle auto. La necessità di nuove regole è dovuta all’analisi dei dati, che raccontano di troppi bambini vittime di incidenti stradali. Morti che spesso potrebbero essere evitate con maggiore senso di responsabilità verso i più piccoli. Vediamo nel dettaglio le novità. Per cominciare, dal primo gennaio di quest’anno le cosiddette “alzatine” senza schienale sono considerate fuori legge se utilizzate da bambini con statura inferiore ai 125 cm. Al di sotto di tale altezza, infatti, tutte le sedute, ora, devono obbligatoriamente essere provviste di schienale.

Con le modifiche introdotte all’articolo 172 del Codice della strada, si determinano precisi standard di omologazione (ECE R44 già in atto e R129 in vigore dalla prossima estate) che si riferiscono alle “alzatine” facenti parte del gruppo 3 e all’uso delle cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta dei bambini. La principale differenza rispetto a quanto previsto fino al 31 dicembre, sta nel fatto che in precedenza la scelta di un sistema di ritenuta veniva effettuata esclusivamente in base al peso dei bambini mentre, dal primo gennaio 2017, i parametri in molti casi tengono conto anche della loro altezza.

Tutto ciò, non significa che automaticamente i vecchi seggiolini debbano essere considerati inutilizzabili: ad eccezione di quelli conformi alle norme più vecchie, la UN ECE R44 01 e la UN ECE R44 02, in vigore fino a metà degli anni '90, gli altri seggiolini possono ancora essere usati, anche se il consiglio è di orientarsi verso i nuovi modelli, ritenuti più sicuri. Resta, inoltre, l’obbligo di utilizzo degli strumenti di seduta per i piccoli passeggeri alti fino a 150 cm di altezza.

E violare le norme come sempre non conviene. Naturalmente per la sicurezza dei più piccoli. E, anche, per le sanzioni. Per chi fa viaggiare i bambini in auto senza sistemi di ritenuta adeguati (anche cinture) le multe vanno da 80 a 323 euro. Non solo: in caso si prendano due multe per la stessa infrazione nell’arco di due anni, scatta la sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi.

Stabiliti altri parametri per garantire la sicurezza

Le “alzatine”, quindi, ora sono vietate al di sotto dei 125 cm. La modifica è stata decisa per essere certi che la cintura di sicurezza venga posizionata in modo da cingere spalle e torace, senza finire all’altezza del collo. Per il resto, esistono ora 5 gruppi di seggiolini universali classificati in base al peso del bambino: Gruppo 0 fino a 10 kg di peso, Gruppo 0+ fino a 13 kg, Gruppo 1 dai 9 ai 18 kg; Gruppo 2 dai 15 ai 25 kg; Gruppo 3 dai 15 ai 36 kg.

Per quanto riguarda i seggiolini con sistema Isofix (un sistema di ancoraggio all'auto), non sono più obbligatori per bambini di altezza compresa tra il metro e il metro e mezzo e si potranno quindi fissare in auto come si preferisce. Le classi di questi sistemi sono sette, da A a G, che variano a seconda del peso, dell’altezza del bambino e dell’orientamento della seduta all’interno del veicolo.

Trasporti & Mobilità - muoversiaroma.it

Bus e tram real time

Tg della Mobilità

 

AMBIENTE

raccolta ingombranti domenica 23 aprile nei municipi dispari