Car Sharing, arriva il One Way

Martedì, Giugno 20, 2017
Ora parcheggi di inizio e fine noleggio possono essere diversi
Maggiore flessibilità nell’offerta per avvicinarsi sempre più agli utenti. Anche il car sharing a postazione fissa segue questa strada e si prepara a lanciare la formula “one way”, ovvero la possibilità di
prendere un’auto da un parcheggio e lasciarla in un altro. Un’opzione al momento non prevista e che il Campidoglio e Roma Servizi per la Mobilità hanno deciso di sperimentare per sei mesi.
 
“La Giunta capitolina ha approvato, tramite delibera, l’attivazione del nuovo servizio One way – ha detto l’assessore alla Città in Movimento, Linda Meleo, annunciando la novità - che prevede il
potenziamento della cosiddetta postazione fissa, dove l’autovettura, dopo il suo utilizzo, è lasciata nello stesso parcheggio di origine. La tratta singola ridefinisce il metodo di utilizzo: il veicolo
è prelevato in un parcheggio dedicato e dopo l’utilizzo è lasciato in un diverso posteggio riservato”.
 
Anche per la modalità One way valgono le stesse agevolazioni previste per i veicoli del car sharing pubblico a postazione fissa. Sosta gratuita nelle strisce blu e nei parcheggi di scambio, e libero
accesso sia alle Ztl della città, diurne e notturne, che nelle corsie preferenziali.
 
“La sperimentazione – ha aggiunto Meleo - si inserisce perfettamente nelle nostra idea di car sharing e il lavoro è frutto della collaborazione con la Commissione Trasporti del Campidoglio. Puntiamo come sempre a una mobilità sostenibile e a migliorare il servizio. Questa prova ci permetterà di acquisire i dati sugli effetti della coesistenza e dell’interazione fra il modello standard e il modello in prova e di valutare la domanda di fruizione del servizio per andare incontro alle reali esigenze dei cittadini”.
 
Dopo l’estensione del servizio in tutti i Municipi della città, con nuovi e più diffusi parcheggi e un parco vetture più numeroso, quindi, il servizio di auto condivisa pubblico fa un altro passo in avanti e aumenta la gamma delle possibilità da offrire agli utenti. Seguendo la linea di flessibilità tracciata dai gestori del flusso libero che ultimamente hanno lanciato il servizio per l’aeroporto di Fiumicino, ma rimanendo più conveniente dal punto di vista delle tariffe, sia per i viaggi brevi che per i noleggi giornalieri.
 
Non si dovrà più tornare al parcheggio di partenza 
 
La formula one way per il car sharing a postazione fissa è un’opzione che si adatta benissimo a una particolare tipologia di utente. Quello che effettua spostamenti che i tecnici definiscono “sistematici”,
ovvero che si ripetono perché assolvono a un’esigenza di mobilità specifica tra due punti fissati. Ad esempio, un utente abituale del trasporto pubblico che copre il percorso casa-lavoro con i mezzi pubblici, in caso di sciopero ha la possibilità di passare al car sharing a postazione fissa partendo dal parcheggio più vicino alla sua abitazione e lasciando l’auto in quello prossimo alla sua sede di lavoro. 
 
Inoltre, anche rifacendo il viaggio in auto nella direzione inversa a fine giornata, non sarebbe costretto a pagare il tempo di fermo del veicolo, come invece deve fare attualmente.
 

Bus e tram real time

Tg della Mobilità

 

AMBIENTE