Ciclabile Nomentana, si passa alla fase 2

18-04-2018
Opera pronta per febbraio 2019

Un avanzamento lento ma in linea con i programmi. A tre mesi dall’inizio dei lavori per realizzare la ciclabile Nomentana è il momento di un primo bilancio.

Lungo il primo tratto di pista, circa 470 metri tra piazza di Porta Pia e viale Regina Margherita, è praticamente tutto pronto per la posa dei cordoli che delimiteranno lo spazio riservato ai ciclisti.
A quel punto torneranno a disposizione dei residenti anche i parcheggi che la prima fase di cantieri ha dovuto sacrificare.

Fin qui l’attività della ditta che si è aggiudicata l’appalto, si è concentrata sull’adeguamento dei marciapiedi, l’allestimento degli attraversamenti e degli incroci, lo spostamento dei pali dell’illuminazione, l’adeguamento delle caditoie e dei chiusini dei sotto-servizi, laddove necessario, e la piantumazione degli alberi che sostituiranno quelli espiantati per fare spazio ai cantieri.

Nelle prossime settimane, dopo la realizzazione dei cordoli, verrà predisposta la nuova segnaletica orizzontale e verticale. Nel frattempo, l’attività è iniziata anche sul secondo tratto, quello tra viale
Regina Margherita e via Alessandro Torlonia, lungo circa 540 metri.

La ciclabile di via Nomentana,quindi, prende forma e rispettando i tempi previsti per la sua ultimazione (440 sono i giorni di lavoro indicati nel progetto), l’opera dovrebbe essere pronta entro la fine di febbraio del prossimo anno con una spesa di circa 1,7 milioni di euro.

A quel punto da Porta Pia si potrà tranquillamente, e soprattutto in totale sicurezza, arrivare fino alla ciclabile che, da via Campi Flegrei, costeggia il Tevere in direzione di Villa Ada. Un percorso
lungo 3,8 chilometri a cavallo dei Municipi II e III che, grazie a una larghezza di 2,5 metri, sarà percorribile nei due sensi di marcia.

Sul fronte dell’impatto dei cantieri sulla viabilità delle zone interessate, durerà fino al 30 aprile il divieto di sosta lungo via Nomentana, tra piazza di Porta Pia e viale Regina Margherita. Ancora
poco più di dieci giorni e i residenti potranno riavere gli spazi per parcheggiare sottratti dai lavori. Continueranno per tutto il 2018, invece, i divieti tra via Anonio Nibby e via Carlo Fea e sui tratti finali (verso l’incrocio con la Nomentana) di via dei Villini e via Vesalio.

"Su Tuscolana e Prenestina altre due piste per le bici"

Si procede secondo i tempi stabiliti anche sulle bike lane di via Tuscolana e via Prenestina. La prima a prendere forma sarà, nel corso dell’estate, quella lungo via Tuscolana, dal Quadraro a piazza di Cinecittà. La gara d’appalto è stata aggiudicata in via provvisoria e ora sono in corso le verifiche previste dalla legge. La pista sarà lunga circa 2,2 chilometri e verrà realizzata con una soluzione
tecnica mai vista a Roma. Il corridoio per le bici, infatti, sarà ricavato nello spazio attualmente riservato alla sosta sul lato destro, che verrà “traslato” verso il centro della carreggiata.

Per quanto riguarda la bikelane di via Prenestina, è in corso la progettazione definitiva in vista della gara. I lavori per realizzare i 5 chilometri di pista tra Porta Maggiore e viale Palmiro Togliatti,
quindi, inizieranno nel corso del prossimo anno.