Commissione Mobilità, il punto di metà mandato

06-02-2019
Incontro con i cittadini
Nuove piste ciclabili, le preferenziali di Marconi e Portuense, l'apertura dei cantieri per nuove linee tranviarie su Tiburtina e via Cavour, e poi le funivie urbane. Sono tra gli obiettivi di breve e medio periodo sul fronte della mobilità sostenibile nell'agenda dell'Amministrazione, ribaditi nel corso di una commissione Mobilità a bordo di un tram storico dell'Atac.
 
Commissione di metà mandato e aperta alle domande dei cittadini, con Enrico Stefàno, presidente della commissione, Linda Meleo, assessore ai Trasporti, e Stefano Brinchi, presidente e ad di Roma Servizi per la Mobilità.  
 
Ricordàti gli interventi in corso, come quelli per le nuove ciclabili di via Nomentana e di via Tuscolana, e quelli realizzati, come la protezione di corsie preferenziali esistenti, ad esempio quelle di viale Libia e viale Eritrea, la riattivazione di quella di Portonaccio e la trasformazione in preferenziale, dopo la riapertura, di via Masaniello.
 
Citati anche gli interventi per la pedonalizzazione di un altro tratto di via del Corso e di largo Gaetana Agnesi, l'attivazione della priorità semaforica sul tram 8, il Grab, ovvero Grande Raccordo anulare delle bici, il nuovo piano bus turistici e l'invio delle richieste di finanziamento al ministero dei Trasporti per le nuove linee tranviarie.
 
"A due anni e mezzo dall'inizio del mandato- ha spiegato Stefàno- era giusto confrontarsi con i cittadini per spiegare loro le cose fatte e le cose che faremo, raccogliendo contributi, spunti idee e anche critiche. Abbiamo deciso di farlo su questo tram storico anche per sottolineare che dopo tanti anni abbiamo finalmente smosso le acque sul fronte della mobilita sostenibile".
 
Linda Meleo è entrata pià nel dettaglio di alcuni progetti futuri. "Uno dei progetti più importanti e il Grab - ha detto - si tratta di un progetto complesso e in questo momento stiamo lavorando alle modifiche necessarie dopo le indicazioni del ministero. Contiamo di arrivare alla chiusura della conferenza dei servizi in tempi ragionevoli. Entro la fine della consiliatura invece pensiamo di poter inaugurare i cantieri per i tram a largo Corrado Ricci e sulla Tiburtina mentre per il tram sulla Togliatti, visto che il progetto è piu grande e complesso, ci vorrà qualche tempo in più. Inoltre apriremo i lavori per le funivie. Abbiamo depositato, a fine 2018, le richieste di finanziamento al ministero anche per la diramazione della Roma-Giardinetti fino a Tor Vergata e per la fornitura di 50 tram. Si tratta di un bando nazionale le cui risposte ufficiali arriveranno entro il 4 agosto".
 
Tra i progetti in attuazione quest’anno, ha ricordato ancora la Meleo, "l’isola ambientale nel rione Monti e la nuova viabilità in ambito via La Spezia-via Taranto".
 
Nel corso dei prossimi due anni e mezzo l'Amministrazione punta poi, con i fondi (oltre 400 milioni di euro) ottenuti dal ministero dei Trasporti, a realizzare la manutenzione straordinaria delle metro A e B, anche con l’acquisto di nuovi treni. "Senza dimenticare - ha concluso la Meleo - gli investimenti già fatti sul rinnovo del parco autobus che già da quest’anno ci permetteranno di migliorare e potenziare l’intero servizio di superficie".

 

In evidenza

Nuovo corridoio della mobilità

Chiusure per la Metro A