Consulta sicurezza stradale, nuova fase di lavori

30-03-2018
Oltre 100 le proposte al vaglio dell'amministrazione

La Consulta cittadina della sicurezza stradale, Mobilità Dolce e Sostenibilità riprende i lavori, dopo la prima fase di attività che si era conclusa in autunno con il programma di 101 proposte presentato all'Amministrazione capitolina. I componenti della Consulta, compresi i gruppi di lavoro che compongono l'organismo, si sono riuniti questa mattina in Campidoglio nella Sala del Carroccio per fare il punto su attività svolte e primi risultati.

Le 101 proposte sono ormai passate al vaglio dell'Amministrazione che ha valutato priorità e programmazione su un periodo di tre anni. Molti progetti, tuttavia, sono già previsti in bilancio: venti sono le proposte già finanziate. Dai lavori sulla segnaletica in punti strategici come passaggi pedonali, piste ciclabili e ciclopedonali, all'installazione di semafori intelligenti e videosorveglianza, passando per la formazione sui temi della sicurezza stradale, con il coinvolgimento delle scuole. Senza dimenticare gli snodi hub multimodali e i parcheggi per le biciclette.

"Puntiamo a interventi diretti a perseguire l'obiettivo 'Vision Zero' - spiega l'assessore alla Mobilità Linda Meleo - per la riduzione degli incidenti stradali, portando avanti il programma iniziato con l'avvio dei lavori della Consulta".

"Sono stati aperti tavoli permanenti di confronto e di collaborazione con le Forze  dell'Ordine - sottolinea il presidente della commissione capitolina Mobilità, Enrico Stèfano - per la condivisione di attività di formazione nelle scuole, attività di presidio e di controllo mirate, così come sono partiti gruppi di lavori inter-disciplinari per la valutazione e l'attuazione delle proposte della Consulta".

Dalla fine di ottobre a oggi, in realtà i lavori della Consulta non si sono fermati. La commissione di coordinamento e i gruppi di lavoro hanno analizzato le proposte per verificarne l'attuazione. E tutto questo in coordinamento con l'assessorato alla Città in Movimento e con la commissione capitolina Mobilità. Un lavoro necessario anche ad evitare sovrapposizioni con progetti o programmi avviati da altri uffici dell'Amministrazione.
Delle 101 proposte, il 63 per cento rivolge la sua attenzione alla salvaguardia di disabili, pedoni, ciclisti, bambini e anziani.  

La tabella di marcia per i prossimi mesi prevede già da aprile incontri quindicinali dei gruppi di lavoro nelle sedi di Roma Servizi per la Mobilità, Roma Metropolitane, del Dipartimento Mobilità e Trasporti, di Anas e ACI. La commissione della Consulta, invece, si riunirà ogni mese, coinvolgendo di volta in volta gli stessi gruppi di lavoro. Sono previsti anche tavoli con gli assessorati competenti, le Forze dell'Ordine e i rappresentanti dei Municipi.