Il palo della luce che ricarica l'auto e misura lo smog

28-01-2019
Da Verona parte una rivoluzione “illuminata”
Oltre a illuminare la strada, ricarica i veicoli elettrici, offre la connessione Wifi, riprende ciò che avviene grazie a una telecamera e rileva i livelli di inquinamento. In una città “smart” i pali delle luce fanno tutto questo e la prima in Europa a installarne uno è stata Verona. A realizzare il progetto è stata l’Agsm, la multiutility interamente controllata dal Comune, nell’ambito del programma “Electrify Verona" avviato nel settembre scorso dall’amministrazione in collaborazione con Volkswagen Group Italia.
 
I “pali smart” cablati in fibra ottica, oltre a illuminare in modo efficiente, utilizzando lampade Led, contengono al loro interno una presa di ricarica a 22 KWh in grado di ricaricare abbastanza velocemente le vetture elettriche. Un’antenna e una telecamera ad alta definizione sia per il controllo urbano in tempo reale che per la gestione della sosta tariffata completano un pacchetto multifunzionale. Infine, i pali sono già predisposti per il monitoraggio ambientale, il telecontrollo delle infrastrutture, il monitoraggio della raccolta dei rifiuti, l'erogazione di servizi istituzionali o commerciali.
 
Tutte funzioni per le quali l’attivazione dovrebbe scattare in tempi brevi. "Questa sperimentazione - ha detto il presidente di Agsm, Michele Croce - è fondamentale per lo sviluppo di una serie di servizi urbani in versione digitale che vanno ben oltre l’illuminazione pubblica moderna, per arrivare alla mobilità elettrica che si basa necessariamente su una rete infrastrutturale di rifornimento nuova e capillare”.
 
L'obiettivo dell’amministrazione scaligera è di raggiungere entro il 2021 l’attivazione di cento punti di ricarica, facendo della città una delle prime realtà europee per numero di ricariche veloci per abitante.  “L’offerta di ulteriori servizi innovativi a residenti e turisti - ha spiegato il sindaco, Federico Sboarina - non potrà che aumentare l’attrattività di Verona e l’efficienza stessa della macchina amministrativa comunale”.
 
Il progetto Electrify Verona, intanto, ha già ottenuto buoni risultati: a fine dicembre dello scorso anno, infatti, la rete di ricarica di Agsm aveva erogato 30.637 KWH, pari a circa 3mila ricariche effettuate in città. Conseguentemente, nel corso del 2018, il numero delle vetture elettriche immatricolate in città è aumentato dell’86%.

In evidenza

Nuovo corridoio della mobilità

Chiusure per la Metro A