Linee periferiche, pubblicato il bando

Martedì, Luglio 25, 2017
A gennaio 2019 più corse e vendita dei ticket

Due lotti e altrettanti gestori per prendere in carico il servizio di bus periferici della città dopo la scadenza dell’afKdamento al consorzio Roma Tpl. Questa la scelta effettuata a Palazzo Senatorio con il bando di gara pubblicato ieri sull’Albo pretorio. Il Campidoglio ha fatto la prima mossa in vista del 2019, quando la gestione dell’intero servizio di trasporto pubblico  romano  dovrà  essere riassegnata attraverso gare d’appalto. Nel piano di rilancio del servizio è contemplato l’aumento dei chilometri percorsi dai bus periferici Kno a 45 milioni l’anno, a fronte degli attuali 28 milioni. Prevista anche la clausola sociale di salvaguardia per i lavoratori attualmente impegnati nelle aziende che formano il consorzio di Roma Tpl. Il nuovo afKdamento durerà 8 anni a partire dal 15 gennaio del  2019  e  sarà  caratterizzato anche da altre novità che potrebbero contribuire a migliorare il servizio. Tra le principali l'installazione di pensiline  il controllo di  titoli di viaggio da parte del conducente e la vendita dei biglietti a bordo dei mezzi, mentre nel bando viene confermata per entrambi i nuovi gestori l’attività di controllo e sorveglianza delle corsie protette e riservate attraverso gli ausiliari.
Tra gli obblighi che si dovranno assumere i nuovi gestori, invece, ci  sono  quelli  di  acquistare  il parco mezzi di proprietà di Roma Tpl, per un valore stimato in poco meno  61  milioni  di  euro,  Iva esclusa, e di assicurare il sistema automatizzato di controllo satellitare (il cosiddetto AVM) per la localizzazione e il monitoraggio in tempo reale di tutte le vetture e per la gestione operativa del servizio.  Infine,  è  previsto  anche l’obbligo di garantire la disponibilità di rimesse adatte.

Bus e tram real time

Traffico real time

Tg della Mobilità

 

AMBIENTE