Via Masaniello e via Tiburtina, nessuna novità

21-02-2018
I cantieri del quadrante est della città

Ancora nulla di nuovo per quanto riguarda la riapertura delle corsie centrali di via Tiburtina, tra Portonaccio e Casal Bruciato, e l’avvio dei lavori a via Masaniello, la rampa che collega il ponte di Portonaccio con la stazione Tiburtina. Partiamo da quest’ultima. I lavori di risistemazione della strada, finanziati con fondi giubilari, sono stati aggiudicati ormai da tempo. Sembrava dovessero partire lo scorso novembre, poi a gennaio. La strada è chiusa da oltre due anni. Resta, quindi, la deviazione di 10 linee di bus (111, 120, 163, 209, 309, 409, 448, 545, n2 e n17) che, in direzione della stazione Tiburtina, passano per via della Lega Lombarda, via Arduino e via Mazzoni. Stesso percorso per il traffico privato. Conseguenza della chiusura di via Masaniello, è ancora interdetta alla circolazione l’uscita, dal vecchio tracciato della Tangenziale direzione stadio, sul piazzale della stazione Tiburtina. Quanto al tratto centrale di via Tiburtina, sostanzialmente conclusi gli interventi al collettore fognario (partiti nell’estate del 2012), resta, per la riapertura, da sistemare la superficie stradale. E per farlo servono fondi, circa 2-300mila euro. Una volta riasfaltate, queste corsie saranno destinate a bus, taxi e mezzi pesanti, con divieto di fermata eccetto bus. Il traffico privato continuerà a percorrere le laterali, dove torneranno i parcheggi. Successivamente, stando a quanto annunciato, il Comune inizierà a lavorare a un progetto più ampio di riqualificazione della via, sino a Santa Maria del Soccorso.