Metro C, aperta la stazione di San Giovanni

11-05-2018
In vigore anche una revisione della rete bus

Con l'apertura, da sabato 12 maggio, della fermata San Giovanni della metro C, e con l'avvio quindi della nuova tratta da Lodi-San Giovanni, i treni della metro C ora si collegano così al resto della rete della metropolitana. L'estensione della linea e l'apertura del nodo di scambio con la metro A hanno più di un effetto.

Prima di tutto, sugli orari di servizio: anche la linea C prolunga le corse nel fine settimana come da tempo già accade per le altre due linee. Al venerdì e al sabato, l'ultima corsa dai capolinea di Lodi e Pantano sarà all'1,30 di notte.

Inoltre da lunedì 14 maggio importanti novità interesseranno le linee bus che gravitano nell'area est della città, con l'obiettivo di agevolare gli spostamenti verso il Centro, la Metro B e la ferrovia Roma-Lido.

COME CAMBIA LA RETE DI SUPERFICIE: LEGGI QUI TUTTI I DETTAGLI -

Alle modifiche che interesseranno dieci linee (51, 81, 545, 673, 715, 590, 650, n1, 056, 058), si affiancherà l'esordio della linea 77 (Piramide/stazione metro B e Roma-Lido-stazione Ostiense FL1, FL3, FL5-stazione San Giovanni metro A/metro C).
La nuova linea 77 collegherà metro A e metro C al nodo di scambio Ostiense/Piramide transitando nel quartieri Appio e Appio Latino (piazza Tuscolo-via Acaia), in via Cilicia e in viale Marco Polo. I viaggiatori provenienti dalla zona est, una volta a San Giovanni potranno raggiungere direttamente il nodo di scambio Piramide/Ostiense e le stazioni di metro B, ferrovia regionale Roma-Lido e ferrovie regionali FL1, FL3 e FL5.

Arrivando a San Giovanni, i passeggeri della Metro C possono scambiare sia con la Metro A, sia con tredici linee della zona, proprio a partire dal nuovo collegamento 77. Le linee in dettaglio sono:

  • Tram 3  Trastevere Fs-Porta Portese-Piramide-Colosseo-Labicana-Manzoni MA-San Giovanni-Porta Maggiore-Verano-Università La Sapienza-Policlinico-Parioli-Valle Giulia
  • 16   via Costamagna-Tuscolana Fs-Merulana-Termini-XX Settembre
  • 51  San Giovanni-Manzoni MA-Labicana-Colosseo MB-piazza Venezia-via del Corso-largo Chigi
  • 81  Lodi MC-San Giovanni MA MC-ospedale San Giovanni-Celio-Colosseo-Circo Massimo-via Luigi Petroselli-piazza Venezia-largo Argentina-Cavour-Cola di Rienzo-Risorgimento
  • 85  Arco di Travertino MA-Tuscolana FS-San Giovanni MA MC-Labicana-Colosseo MB-piazza venezia-via del Corso-largo Chigi-Tritone-Barberini-Termini
  • 87  Colli Albani MA-San Giovanni MA MC-Colosseo MB-piazza Venezia-Argentina-Cavour-Lepanto MA
  • 218  Porta San Giovanni-Ardeatina-polo ospedaliero Santa Lucia-Cecchignola-Divino Amore-scuola Padre Formato
  • 360  Zama-San Giovanni MA MC-Manzoni MA-Termini-piazza Fiume-Parioli-Salario-Parioli-piazza delle Muse
  • 590-650   linee accessibili a per passeggeri a ridotta mobilità sul percorso metro A Subaugusta-Ottaviano
  • 665  San Giovanni MA MC-Appio Latino-Tuscolana FS-via Assisi
  • 792  San Giovanni MA MC-ospedale San Giovanni-Druso-via Cristoforo Colombo-circonvallazione Ostiense-Garbatella MB-ospedale Bambino Gesù/sede di San Paolo-San Paolo MB-viale Marconi-via Majorana-ospedale San Camillo-Gianicolense-Bravetta-Pisana-Eudes

Sulla metro C si può viaggiare con i titoli di viaggio Metrebus validi nella zona A. Il biglietto convalidato in Metro C potrà essere utilizzato in Metro A e B e sulle ferrovie regionali e viceversa.

La metro C ora segue gli stessi orari delle metro A e B/B1. Quindi prime e ultime corse sono alle 5,30 e alle 23,30. Il venerdì e il sabato, servizio prolungato sino all’1,30 di notte per tutte e tre le linee della metropolitana. Nelle ore notturne, dopo la chiusura, la linea C è sostituita dalla linea di bus n28 che effettua le fermate nei pressi delle stazioni.

La prima "archeo-stazione" della città

I lavori per questa stazione sono state vincolati dai numerosi ritrovamenti archeologici, ora in parte visibili. La costruzione della stazione San Giovanni della linea C ha permesso di realizzare uno degli scavi urbani piu rilevanti effettuati a Roma negli ultimi anni. Compiuti tra il 2010 e il 2013, gli scavi hanno permesso di esplorare un sito complesso e pluristratificato per una profondita di oltre 20 metri e su una superficie di quasi 3mila metri quadri.