Preferenziali e fermate più sicure

Martedì, Gennaio 9, 2018
Dall’Agenzia per la Mobilità 9 bandi di gara per opere “piccole” ma di grande impatto

L’inizio del 2018 consegna alla città nove bandi di gara per realizzare nuove opere per la mobilità pubblica e privata. Si va dall’installazione dei portabiciclette nei pressi di stazioni del metrò, scuole, uffici pubblici e poli di attrazione che richiamano traffico, alla manutenzione straordinaria della segnaletica stradale, passando per la messa in sicurezza delle fermate dei tram, a nuove corsie preferenziali e alla pista ciclabile lungo via Tuscolana tra Porta Furba e piazza di Cinecittà. Tutti interventi dai costi contenuti (circa 6 milioni di euro complessivi) ma che daranno benefici reali e immediati. A lanciare i bandi per l’affidamento delle singole opere è stata, nell’ultima parte del mese di dicembre, Roma Servizi per la Mobilità, l’agenzia capitolina che ha il compito di pianificare e monitorare l’andamento del traffico e del trasporto pubblico cittadino.

In ordine cronologico il primo bando che si dovrebbe perfezionare è quello per le rastrelliere delle bici; ieri è scaduto il termine per presentare l’offerta relativa a un’attività da completare in 18 mesi. C’è tempo fino a oggi, invece, per candidarsi alla realizzazione dei lavori per la pedonalizzazione integrale di largo Gaetana Agnesi, la terrazza con vista sul Colosseo che sovrasta la fermata della metro B.  Dopo la metà del mese, poi, si saprà chi si occuperà del nuovo attraversamento pedonale e ciclabile tra il lungotevere della Magliana e vicolo Pian Due Torri, mentre il 19 gennaio si chiuderà la raccolta delle offerte per l’installazione della nuova segnaletica orizzontale e verticale lungo alcune strade principali. Le scadenze di fine mese riguardano l’affidamento dei lavori per la messa in sicurezza delle fermate del tram tra via dello Scalo San Lorenzo e viale Regina Margherita. Passando a febbraio, infine, il primo step è fissato per giovedì 8, con la definizione dell’Accordo Quadro per realizzare nuove corsie preferenziali e proteggere con i cordoli quelle esistenti. A seguire, la gara per l’installazione delle “spire” sotto le aree di parcheggio dedicate ai bus turistici; controlleranno il rispetto delle regole sulla sosta. Infine c’è l’affidamento dei lavori per realizzare pedane di fermata per i bus in via della Magliana, via Naide, via Lucrezia Romana, via della Bella Villa, via di Tor Pagnotta (ne sono previste quattro), via Nomentana (via Val d’Aosta), ai capolinea La Storta e Ortucchio, via Portuense (via Cristofari) e via Volpato.

Ciascuno dei nove bandi di gara lanciati dell’Agenzia per la Mobilità va ad incidere su tematiche che impattano sulla vita quotidiana dei romani. Quello sul controllo della sosta breve (fino a due
ore) dei bus turistici, tuttavia, ha una duplice valenza. In primis, ha l’obiettivo di contrastare un malcostume evidente, anche per la stazza dei mezzi, che condiziona l’immagine della città; in più introduce l’elemento tecnologico nel controllo, rendendo capillare il presidio del territorio e l’applicazione delle regole. L’appalto prevede la fornitura di 500 spire, da installare in altrettante aree di sosta, in grado di registrare arrivo e partenza dei mezzi, trasmettendo i dati a una centrale di controllo. Un’app, poi, gestirà le prenotazioni fatte dagli operatori del settore e il sistema consentirà di conoscere in tempo reale la disponibilità di posti in ciascuna zona della città.

Bus e tram real time

Traffico real time

Tg della Mobilità

 

AMBIENTE

www.amaroma.it