Zone 30, si lavora su cinque progetti

30-05-2019
In commissione Mobilità il punto su Centocelle, Ostia Antica, Casal Bertone, Pigneto e Quadraro
Il Campidoglio conferma di voler puntare sulle pedonalizzazioni e ieri, in Commissione capitolina Mobilità, è stato fatto il punto della situazione. In particolare sull’istituzione di nuove “Zone 30” e la creazione di isole ambientali nei diversi Municipi. Provvedimenti che hanno come obiettivo una mobilità urbana più sicura e sostenibile che dà spazio a pedoni e ciclisti.
L’analisi è partita da cinque progetti per la realizzazione di isole ambientali messi a punto da Roma Servizi per la Mobilità, per i quali la fase di studio è già conclusa, ma che potranno procedere  solo dopo l’individuazione in bilancio dei fondi necessari. I progetti riguardano Centocelle, Ostia Antica, Casal Bertone, Pigneto e Quadraro, aree per le quali, con l’individuazione delle risorse, le gare potrebbero essere bandite entro la fine dell’anno. Ogni progetto prevede in linea di massima restringimenti di carreggiata, zone pedonali modulari, anche con elementi di arredo urbano, corsie preferenziali e limite di velocità a 30 km/h. Tutti fattori che contribuiscono a diminuire il traffico e a rendere gli spazi più vivibili.
Per quanto riguarda il Quadraro, sono state progettate modifiche alla rotatoria e ipotizzata la pedonalizzazione del viale di accesso agli scavi, mentre a Centocelle è previsto l’ampliamento degli spazi pedonali di via dei Castani e la parziale chiusura al traffico di piazza dei Mirti. Infine, al Pigneto l’isola ambientale sarà un’area corrispondente al triangolo tra Prenestina, Casilina e via dell’Acqua Bullicante, con la pedonalizzazione temporanea o definitiva del tratto di via del Pigneto adiacente alla nuova stazione della metropolitana. In atesa della fermata delle Fs.
 
Tra le prime nuove “Zone 30” previste dal Campidoglio ci sono quelle di via Tor de’ Schiavi, via dei Platani, largo Millesimo, via delle Terme Deciane, viale del Ratto delle Sabine e piazza dei Ravennati, a Ostia. Quella di via San Sebastiano dovrebbe essere accompagnata dall’installazione dei varchi agli accessi sull’Appia Antica. L’obiettivo è avviare i cantieri ento l’anno. La necessità di limitare la velocità sulle strade creando le “Zone 30”, non ha solo radici nella sostenibilità ambientale. Le statistiche sugli incidenti e sul numero di vittime a Roma, soprattutto se si guarda a pedoni e ciclisti, parlano chiaro. E l’unico modo per aumentarere la sicurezza di queste fasce deboli è ridurre il limite di velocità. Per abbassarlo a 30 km/h basta una determinazione dirigenziale. Invece, creare una “Zona 30” richiede una delibera di Giunta e i fondi necessari per realizzarla.

 

In evidenza

Chiusure per la Metro A

Traffico real time

Traffico in tempo reale