Dal car pooling ai bus a lunga percorrenza

25-03-2019
Idea BlaBlaCar per viaggi condivisi e multimodali
 
Viaggi e spostamenti condivisi. In auto. Ma anche in bus. La piattaforma di car pooling BlaBlaCar lo scorso autunno ha annunciato un’offerta per l’acquisizione di Ouibus, filiale delle ferrovie francesi Sncf che opera nel mercato dei bus a lunga percorrenza. L’azienda precisa che l’acquisto “ad oggi non è ancora finalizzato. La volontà è quella di integrare l’attuale rete di collegamenti a lunga distanza di Ouibus, che già collega 300 destinazioni in Francia e Paesi vicini, tra cui l’Italia con Torino e Milano, ed espanderla in Europa sotto il nuovo marchio BlaBlaBus. Puntiamo a creare una rete europea di autolinee che integri l’offerta di viaggi in car pooling, diventando così il leader europeo del trasporto su gomma. Con l’integrazione dei viaggi in bus saremo in grado di rispondere a diverse esigenze di spostamento dei viaggiatori, che potranno scegliere l’autobus o il carpooling in base alle loro specifiche esigenze e preferenze”.
 
In fase di lancio BlaBlaBus “si concentrerà sulla creazione di nuovi collegamenti nell’Europa centrale, in particolare in Francia, Italia, Polonia e soprattutto Germania, dove pianifichiamo di collegare oltre 60 destinazioni nell’arco del primo anno. Sono previste nuove linee in partenza anche dall’Italia - affermano sempre da BlaBlaCar - e stiamo lavorando a partnership con importanti operatori di trasporto nazionali già attivi sul mercato”.
 
Le ferrovie francesi Sncf sono tra i finanziatori di BlaBlaCar. “La collaborazione con Sncf è legata alla loro visione di costruire una piattaforma in grado di accorpare e integrare in ottica multimodale tutte le principali soluzioni di mobilità tra città: treni, autobus e carpooling. BlaBlaCar e Snfc condividono l’obiettivo di sviluppare la mobilità condivisa su larga veicoli occupati da una sola persona, e di fornire ai viaggiatori soluzioni di mobilità veloci, economiche e capillari”, spiegano da BlaBlaCar. 
 
In Italia, la piattaforma di car pooling sta mappando l’intero territorio con l’obiettivo di suggerire, a chi prenota o offre un passaggio, punti di ritrovo facilmente accessibili anche in zone meno popolate. Questo tipo di viaggio, infatti, funziona non solo per chi è orientato verso un’idea di spostamento flessibile e condivisa, ma anche per la mobilità da e per i piccoli centri.
 
- La “comunità” è in 22 Paesi, sono 70 milioni gli iscritti -
Condividere l’auto e le spese nei viaggi a lunga percorrenza. BlaBlaCar, nata in Francia nel 2006, propone un punto di incontro tra chi offre e chi cerca un passaggio. Ad oggi, i numeri parlano di 70 milioni di utenti in 22 Paesi e oltre 20 milioni di viaggiatori ogni trimestre. In Italia, dove il portale postoinauto.it dal 2012 è entrato a far parte della rete BlaBlaCar, la “comunità” conta oltre 3 milioni di iscritti che viaggiano collegando più di 38mila località diverse ogni mese. Il viaggio medio è di circa 300 km e da Roma le tratte principali sono i collegamenti verso la Puglia, la Campania e la Toscana. Un servizio di car pooling per rendere più sostenibili gli spostamenti casa-lavoro è stato lanciato anche da Roma Servizi per la Mobilità. È realizzato con la piattaforma messa a disposizione dalla società Bepooler ed è rivolto sia ai propri dipendenti che a quelli del Campidoglio.
 
Simone Colonna
Trasporti & Mobilità-muoversiaroma.it
25 marzo 2019

Traffico real time

Traffico in tempo reale