Diesel Euro 3, limitazioni da novembre

26-09-2019
Previsto lo stop nell'Anello Ferroviario
Eliminare i diesel dal Centro storico entro il 2024 per tutelare la salute di tutti e l'ambiente. È uno degli obiettivi a lungo termine del piano antismog del Campidoglio che prevede la progressiva limitazione, all’interno delle diverse Ztl, alla circolazione dei veicoli più inquinanti, secondo la programmazione definita nell’ambito del quadro di interventi del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums) approvato quest’estate.
 
Un disegno articolato che procederà per step. Ai blocchi permanenti già in vigore in città, presto si aggiungerà un nuovo importante tassello: il divieto di circolazione permanente dei veicoli diesel euro 3 nella Ztl Anello Ferroviario, area che include le zone centrali e semicentrali della Capitale.
 
Lo stop, scatterà il primo novembre e sarà in vigore 24 ore su 24 nei giorni dal lunedì al venerdì, ad eccezione dei festivi infrasettimanali Quindi, calendario alla mano, essendo il primo novembre, un festivo, di venerdì, il divieto sarà tale da lunedì 4 novembre. Manca ancora l’ordinanza sulle deroghe, ovviamente saranno escluse dal divieto alcune categorie di veicoli come quelli muniti del contrassegno per i diversamente abili.
 
Nel comune di Roma, secondo i dati Aci, le auto diesel circolanti al 31 dicembre 2018 erano 99.644. Per i veicoli adibiti al trasporto merci, invece, è previsto un periodo transitorio dal primo novembre di quest'anno e sino al 31 marzo 2020, durante il quale il divieto per i diesel Euro 3 sarà in vigore dal lunedì al venerdì, ad eccezione dei festivi infrasettimanali, in due diverse fasce orarie: al mattino dalle 7.30 alle 10.30 e nel pomeriggio dalle 16.30 alle 20.30.
 
Sempre da novembre, nell’ambito degli interventi programmati al fine di contenere e prevenire l’inquinamento atmosferico, dovrebbero tornare, poi, le domeniche ecologiche. In genere sono cinque l’anno, una al mese, e arrivano fino a marzo.
 
L’area interdetta in questo caso è la Fascia Verde (che comprende anche il più piccolo Anello Ferroviario) con eccezioni per i veicoli elettrici, ibridi e a gas, e per quelli considerati meno inquinanti come gli Euro 6 a benzina.  Le mappe di Fascia Verde e Anello Ferroviario sono consultabili anche sul nostro romamobilita.it
 
- La guida sui divieti già in atto nella città - 
Ecco una mini guida per orientarsi tra i blocchi permanenti e quelli emergenziali già in vigore in città. Partiamo dai blocchi permanenti.
All’interno della Fascia Verde dal lunedì al venerdì (giorni festivi esclusi), non possono circolare, 24 ore su 24, le auto a benzina Euro 0-1 e le diesel Euro 0-1-2. Esentati dal divieto sono, tra gli altri, i veicoli con pass disabili e quelli a Gpl o a metano.
 
Nel più piccolo Anello Ferroviario, invece, il divieto, sempre dal lunedì al venerdì (e sempre festivi esclusi) è per le auto a benzina Euro 2 e per i ciclomotori e i motoveicoli, a 2 e 4 tempi, a due, tre e quattro ruote Euro 1. Inoltre, sette giorni su sette, c’è lo stop anche per i ciclomotori e i motoveicoli, a 2 e 4 tempi, a due, tre e quattro ruote, Euro 0. Moto e motorini storici hanno la deroga.
 
Le minicar diesel Euro 0 e 1 nell'Anello Ferroviario si fermano dal lunedì al venerdì.   
 
I blocchi emergenziali si aggiungono ai blocchi permanenti. Li decide di volta in volta, comunicandoli almeno un giorno prima, il Dipartimento capitolino Tutela Ambientale, sulla
base dei dati giornalieri della qualità dell’aria. Il blocco, valido sempre nella Fascia Verde, è appunto giornaliero, dalle 7,30 alle 20,30. Quando scatta, riguarda, in un primo momento, le auto a benzina Euro 2, ciclomotori e motoveicoli Euro 0 ed Euro 1 (in caso di blocco emergenziale si fermano anche le due ruote storiche).
 
Se la qualità dell’aria non migliora, e i livelli di smog continuano a rimanere alti, la limitazione alla circolazione nella Fascia Verde progressivamente si estende, in questo caso nelle
fasce orarie 7,30-10,30 e 16,30-20,30, e sempre su base giornaliera, agli autoveicoli diesel, a cominciare da quelli Euro 3 per arrivare, all’ottavo giorno di sforamento dei livelli di PM10, ai diesel Euro 6. 

Traffico real time

Traffico in tempo reale