Codice della Strada, in arrivo le nuove modifiche

17-07-2019
Stretta sull’uso del cellulare al volante. Stop anche alle multe a “strascico”

È stato approvato dalla Commissione Trasporti della Camera, in prima lettura, il disegno di legge di modifica del Codice della Strada. Che ha come obiettivo quello di migliorare il trasporto delle persone e aumentare la sicurezza soprattutto dei soggetti considerati vulnerabili. Tra cui pedoni in generale, bambini e anziani.  Tante le novità che, con il sostegno e l’approvazione del Governo, sono state inserite nel testo base, In particolare, quelle che mettono al riparo gli utenti della strada da possibili rischi o pericoli e vanno dalla sospensione della patente per due mesi per chi usa il cellulare alla guida all’addio per l’obbligo di esibire patente e libretto. Avviato l’iter di legge e approvato in prima lettura in Commissione Trasporti alla Camera, il disegno di legge diventerà operativo per la fine del 2019. Ma vediamo insieme alcune delle sue più importanti novità.  Fino a due mesi di sospensione della patente per chi guida utilizzando il cellulare. Il periodo va da 7 giorni a 2 mesi e le sanzioni diventano più salate. Stesse regole anche per chi  guida utilizzando qualsiasi altro dispositivo che potrebbe causare distrazione. Auto distanti dalle biciclette di almeno 1,5 metri. Gli automobilisti dovranno tenere una distanza minima dalle biciclette di almeno 1,5 metri, soprattutto in fase di sorpasso. I Comuni, inoltre, potranno realizzare una striscia di arresto ai semafori, dedicata ai ciclisti, che si troverà più avanti rispetto a quella per le auto. Sempre i Comuni avranno la libertà di scegliere se i ciclisti possono utilizzare  le corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici. Per chi sosta nelle aree per disabili previste maxi-multe Chi sosterà all’interno di un area parcheggio per disabili o in corrispondenza di scivoli sanzioni più alte. Inoltre, i disabili potranno parcheggiare gratuitamente nelle strisce blu. I Comuni potranno infin realizzare i parcheggi rosa per le donne in gravidanza o con figli fino ai due anni di età. Stop alle “multe a strascio” fatte con le telecamere
Le “multe a strascio”, quelle date grazie alle telecamere e che l’automobilista non sa di aver preso, saranno bloccate. Previsto infatti l’obbligo di preavviso di notifica, che consente pagamenti in  tempi più rapidi evitando così costi aggiuntivi. Se il passeggero non indossa la cintura paga il conducente. Lo stesso varrà per i conducenti di ciclomotori e motocicli, responsabili del fatto che il proprio passeggero è senza casco.

Il codice della strada 2019 prevede ulteriori novità che guardano alla sicurezza categorie più vulnerabili. Sono state previste, infatti, zone a traffico limitato o aree pedonali davanti le scuole almeno negli orari di ingresso e di uscita degli alunni.  Disposto anche l’obbligo di installazione di cinture di sicurezza sugli scuolabus.  Diverse anche le novità che riguardano il trasporto “green” tra cui la circolazione in autostrada di moto elettriche, al momento escluse. Con l’ok del Governo sono state introdotte anche norme di semplificazione: si permetterà, in caso di deterioramento della targa dell’auto di restituirla ed avere un duplicato, senza dover affrontare le più onerose spese di re-immatricolazione mentre si allunga da sei mesi a un anno la validità del foglio rosa, così da poter sostenere fino a tre prove di esame per la patente. Ora  il testo dovrà passare in Aula alla Camera per poi essere inviato all’approvazione del Senato.

 

Traffico real time

Traffico in tempo reale