Incidenti, il bilancio di Carabinieri e Stradale

31-01-2020
Nel 2019 quasi 71mila sinistri
Incidenti stradali, il bilancio 2019 di Carabinieri e Polizia stradale ha evidenziato come i dati, sul territorio nazionale, restino più o meno stabili. Al 15 dicembre, il numero complessivo degli incidenti era 70.801, in lieve diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2018 (-1,3 per cento), mentre i sinistri con esito mortale (1.430) sono quasi invariati (8 in meno dello scorso anno, pari a un calo di -0,6 per cento). Del 2,9 per cento, la riduzione del numero delle vittime: sono 1.566, 46 in meno (nel dato del 2018 sono comprese le 43 vittime del crollo del viadotto di Genova).
 
In relazione al numero di incidenti, invece, nel 2019 sulla viabilità ordinaria si sono verificati 15 sinistri mortali e 15 vittime in meno rispetto al 2018 (-1 per cento), in autostrada, invece, gli incidenti mortali sono stati 7 in più (+3,1 per cento), mentre per le vittime 31 in meno, tenendo sempre conto del crollo del ponte di Genova.
 
Per quanto riguarda le attività di controllo, tra il primo gennaio e il 15 dicembre del 2019 la Polizia stradale e i Carabinieri hanno effettuato 3.859.538 pattuglie di vigilanza stradale e contestato 2.376.484 infrazioni al Codice. Le violazioni accertate per eccesso di velocità sono state 685.778, le patenti di guida ritirate 61.322 insieme a 74.087 carte di circolazione.
 
I punti patente decurtati sono 3.581.140. I conducenti controllati con etilometri sono stati 1.264.314, di cui 23.800 sanzionati per guida sotto effetto dell’alcol (+2,2 per cento rispetto al 2018), mentre quelli denunciati per guida sotto l’effetto di stupefacenti sono stati 2.156 (-6,7 per cento). Sul fronte delle stragi del sabato sera, dal primo gennaio all’8 dicembre scorsi, nelle  notti dei fine settimana Polizia stradale e Arma dei Carabinieri hanno impiegato nei posti di controllo 153.974 pattuglie, rilevando 148 incidenti che hanno causato la morte di 178 persone (11 in meno del 2018).
 
I conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 195.533, il 5,7 per cento dei quali (pari a 11.063, di cui 9.432 uomini e 1.631 donne) è risultato positivo al test di verifica del tasso alcolemico (nel 2018 la percentuale era stata del 5,2 per cento). Le persone denunciate per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti sono state 408.
 
- Tra le principali cause c’è l’eccessiva velocità -
La velocità, lo sappiamo, è tra le prime cause di incidente. La Polizia stradale, attraverso il sistema di rilevamento automatico della velocità media, dal primo gennaio al 30 novembre 2019 ha accertato 306.971 violazioni dei limiti. Le violazioni per eccesso di velocità accertate sono state 657.804, con un incremento del 35,7 per cento.
 
Sul fronte del contrasto al traffico di veicoli, 108 le persone arrestate e 619 quelle denunciate. Altre 883 le denunce dopo indagini su truffe varie. Per le rapine nei confronti degli autotrasportatori, di esercizi commerciali e di utenti in transito sulla rete stradale italiana, sono 102 le persone arrestate e 203 quelle denunciate. Nell’ambito di carrozzerie, autofficine, autoscuole, autodemolitori e autosaloni controllati, sono stati eseguiti 150 sequestri amministrativi, 131 sequestri penali e accertate 2.808 violazioni.