Trasporti intelligenti, strategie e indirizzi Ue

06-12-2019
Conferenza Polis, progetti per l’innovazione della mobilità
Roma Servizi per la Mobilità, per conto dell’amministrazione capitolina, rappresenta i bisogni e aspirazioni della città di Roma nell’associazione Polis, che riunisce le città europee sotto il segno della mobilità e dei suoi impatti ed è importante fonte di accesso ai contesti globali. Utili da un lato ad avviare il confronto con città di altri Paesi, dall’altro ad accedere a un bagaglio informativo che rafforza la capacità progettuale, di ricerca, di innovazione e, non ultimo, permette di accedere alle risorse disponibili.
 
Nell’ambito della graduale evoluzione del rapporto Eu-Enti Locali, Polis ha raccolto i suoi frutti anche con la realizzazione di passaggi importanti per RSM e per Roma Capitale, quali l’Agenda Urbana UE, l’apertura dei Fondi Strutturali alle città, l’avvio del CEF (Connecting Europe Facility, ex TENT) alle realtà metropolitane con importanti finanziamenti per Roma.
 
Nel tempo, Polis è diventata interlocutore privilegiato dell’Unione Europea con numerosi meeting e vari tavoli di lavoro sulle tematiche di mobilità urbana. In particolare quest’anno, con il rinnovo dei vertici della Commissione Europea, si è fatta un’analisi delle opportunità date dall’avvio dei nuovi programmi di finanziamento 2021-28, di innovazione e ricerca (Horizon Europe), PON METRO (Programma operativo nazionale dedicato alle città metropolitane) e POR (Programma operativo regionale) in vista della loro approvazione prevista nel 2020. Ed è proprio dalla tradizionale conferenza annuale di Polis, che si è tenuta a Bruxelles a fine novembre e alla quale ha preso parte il presidente della Commissione capitolina mobilità, Enrico Stefàno, che arrivano le novità in termini di progetti e di finanziamenti.
 
Il programma ha previsto l’AGA (Annual General Assembly) in cui è dedicato molto spazio alla parte di strategie ed attività dell’organizzazione, con la redazione di un dettagliato activity report per il 2019. Inoltre è stata descritta l’attività dei Tavoli tematici (che hanno riguardato tra l’altro traffico ed viabilità, ambiente e salute, sicurezza stradale, movimentazione delle merci) che hanno previsto un ulteriore interessante sviluppo con nuove attività anche di diffusione extra-europea, seguendo l’andamento delle politiche UE sempre più interessate alla parte di mobilità urbana sia come linee guida che finanziamenti.
 
- Rsm ha presentato il Pums e l’iniziativa #VIALIBERA -
Alla Conferenza Annuale Polis hanno partecipato 650 associati. Tra le attività presentate da Roma Servizi per la Mobilità, il processo di creazione del PUMS, il Piano urbano della Mobilità sostenibile di Roma, illustrato da Fabio Nussio e l’iniziativa #ViaLibera, illustrata da Francesco Iacorossi, del Servizio strategie e progetti. In generale, l’attività di Polis, nel corso del 2019 è stata intensa: l’associazione ha ospitato quasi 70 meeting con circa 1300 partecipanti. Polis modererà, tramite il suo segretario generale Karen Vancluysen, il seminario che si svolgerà il 7 dicembre 2019 a Madrid nella Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP25), incentrato sulla mobilità e sui cambiamenti climatici. Con le popolazioni urbane che dovrebbero aumentare in modo significativo tra oggi e il 2050, c’è consenso sul fatto che le città abbiano un ruolo strumentale nella lotta
ai cambiamenti climatici. 
 
- Un focus sulla gestione accessi bus turistici -
A monte della Conferenza Polis un focus è stato dedicato ai sistemi di gestione dei bus turistici in ambito urbano. “Si è tenuto un incontro con circa 20 rappresentanti fra città ed associazioni di operatori di bus turistici – spiega Fabio Nussio, ingegnere referente dell’Area Ricerca e Investimenti di Roma Servizi per la Mobilità – ed è stata l’opportunità per una valutazione europea sulle regole per gli accessi nei centri urbani. Da parte delle città si è evidenziato come sia necessaria una regolazione del settore che punti a ridurne l’impatto.
 
Amsterdam in particolare prevede notevoli limitazioni entro il 2022-25 che dovrebbero portare il cuore delle città ad essere ad emissioni zero”. I meeting promossi da ogni Gruppo all'interno della Conferenza hanno contenuto focus su tematiche al centro dell’interesse dell’Ue e finanziamenti disponibili. “Polis si conferma un’importante fonte di rapporti di cooperazione in progetti d’innovazione della mobilità - aggiunge Fabio Nussio - per la sua stessa natura di luogo d’incontro delle differenti realtà europee. Normalmente poi i Gruppi di lavoro dell’associazione confluiscono in proposte progettuali e, se frequentati abitualmente, possono garantire la presenza quale partner progettuale e portatore di idee.
 
Infine c’è la possibilità di seguire i lavori dei progetti in corso e di partecipare ai meeting, sovente con il rimborso delle spese di viaggio per facilitare lo scambio di buone pratiche”. Nella Conferenza POLIS l’intervento del Direttore Generale trasporti Ue, Henrik Hololei, ha indicato le città come laboratori di soluzioni di mobilità. L’European Green Deal, secondo Hololei, cambierà le modalità di spostamento nelle aree urbane nei prossimi 10 anni. La realizzazione del PUMS, approvato da Roma lo scorso agosto, sarà essenziale, come pure lo sviluppo delle Smart City e della digitalizzazione.
 
L’azione di mobilità urbana sostenibile offre alle città l’opportunità di contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici, attraverso la riduzione della congestione e iniziative di decarbonizzazione.
Trasporti & Mobilità-muoversiaroma.it
6 dicembre 2019

PROMOZIONE

Vai al mare con SeaPass

(Spazio promozionale)